Kintsugi e la muta perfezione…

Non mi piacciono le cose perfette e spesso diffido delle persone che aspirano alla perfezione.
Ad esempio non sopporto che al cinema o nelle pubblicità le donne debbano sempre essere delle strafighe da paura. Trovo che la perfezione a volte sia estremamente asettica. Per esempio gli uomini troppo belli non mi hanno mai attirato, li ho spesso trovati piuttosto noiosi o troppo concentrati su sé stessi per approfondire altre questioni. Anche se non nego la famosa eccezione che conferma la regola.

Trovo molto affascinante la filosofia giapponese che sta alla base del Kintsugi: i segni impressi dalla vita sulla nostra pelle e nella nostra mente hanno un valore ed un significato importante. E’ da essi infatti, dalla loro accettazione, dalla loro rimarginazione, che prendono via quei processi di rigenerazione e di rinascita interiore che ci rendono delle persone nuove e risolte.

“Quando i giapponesi riparano un oggetto rotto, valorizzano la crepa riempiendo la spaccatura con dell’oro. Essi credono che quando qualcosa ha subito una ferita ed ha una storia, diventa più bella”.

Il dolore come l’imperfezione estetica, per i giapponesi, non sono “cose” da estirpare perché capaci di rovinare l’armonia, anzi, esse vanno valorizzate. Cicatrici, difetti fisici e ferite dell’anima non vanno celate ma esibite senza imbarazzo, essendo le stesse, parte dell’uomo, della sua storia quindi in grado di raccontare tanto.

Capisco pure che in alcuni casi non sia propriamente facile… io ho faticato tantissimo per accettare cose di me che magari non amavo particolarmente…

Il Kintsugi, attraverso l’arte, ci dimostra che da una ferita risanata, dalla lenta riparazione conseguente ad una rottura, può dunque rinascere una forma di bellezza e di perfezione superiore.

(immagine presa dal web)

(immagine presa dal web)

Anthem – Leonard Cohen: C’è una crepa, una crepa in ogni cosa… Ecco come entra la luce!

Venereisterica

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Punti di vista... e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a Kintsugi e la muta perfezione…

  1. nuvolesparsetraledita ha detto:

    Saggi, i giapponesi; anche nei rapporti umani si possono riempire d’oro le crepe o le rotture…

    Mi piace

  2. 65luna ha detto:

    Concordo con il tuo pensiero e quello di me che non amavo con il tempo l’ho migliorato, sia nel fisico sia nell’animo, soprattutto ho imparato a volermi bene! Alla soglia dei 50 anni forse ho raggiunto l’equilibrio! Serena giornata,65Luna

    Mi piace

  3. Debbie Doodle ha detto:

    Ciao! Spero di non disturbare ma volevo avvisarti che ti ho nominata per il nuovo Liebster Award, se ti va di partecipare fai un salto da me 😉 Baci e buona giornata!

    Mi piace

  4. premetto che la perfezione non esiste…c’è chi fatica per raggiungerla per poi ottenere solo l’illusione di esserci riuscito
    Io resto dell’idea che qualche imperfezione rendono le persone particolari, uniche e spesso più attraenti
    Ti auguro una Buona Pasqua 🙂

    Mi piace

  5. Antonio ha detto:

    neanche io amo quella perfezione a tutti i costi….meglio essere sé stessi sempre; dall’altra parte possiamo essere amati e stimati per cose ben più profonde di un aspetto esteriore.
    La filosofia nipponica può essere un valido aiuto per la crescita di un’autostima spesso presa scarsamente in considerazione….
    ti auguro un buon pomeriggio

    Mi piace

  6. Elena Marino ha detto:

    mi hai ricordato cose importanti. grazie, e.

    Liked by 1 persona

  7. M2 ha detto:

    Con noi stessi e le nostre “imperfezioni” siamo a volte comprensivi, ma non è per nulla facile accettare quelle degli altri.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...