Metti una sera a Teatro (Greco)

Le tragedie greche, diciamola tutta, non sono mai state un argomento per così dire leggero da digerire. Ma in questo post voglio parlarvi di un’ esperienza che vale veramente la pena di fare.
L’ultima tragedia che sono andata a vedere risale all’anno scorso, al Teatro Greco di Siracusa in un incantevole cornice di mare, cielo e luna spettacolari. La tragedia in questione era “Antigone” di Sofocle, personaggio che per varie circostanze mi aveva appassionato in quei mesi.
La storia, molto sinteticamente, si svolge in una Tebe afflitta dalla guerra dei Sette, dove il nuovo re, Creonte, emana un bando per vietare la sepoltura di Polinice reo di aver tradito la Patria. La sorella di quest’ultimo, Antigone, pur di dare una giusta sepoltura al fratello e in nome di una giustizia suprema degli dei, disobbedisce a Creonte seppellendo la salma del ragazzo. Una volta venuto a conoscenza della sfrontatezza di Antigone, Creonte la fa murare viva senza nessuna pietà e incurante del fatto che la ragazza sia per giunta promessa sposa del proprio figlio, Emone. Quest’ ultimo, deciso a salvare Antigone, grazie all’aiuto di un indovino, trova la tomba ma scoperchiandola, rinviene il corpo ormai privo di vita della propria amata, quindi si uccide. La notizia della morte di Emone sconvolge sua madre (nonché moglie di Creonte) che decide a sua volta di togliersi la vita.
Nel seguente video che ho girato io stessa, Creonte apprende della morte dei suoi cari e urla tutto il suo dolore ed il suo pentimento via via che affiora la presa di coscienza:

Non c’è scampo al cattivo destino degli uomini.
Non c’è felicità senza saggezza.
La saggezza è la prima condizione.
Non bisogna trascurare né offendere gli dei.
Le parole degli arroganti vengono punite con grandi sconfitte.
Le grandi sconfitte insegnano, con l’età, a riflettere.

Venereisterica

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Intrattenimento e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Metti una sera a Teatro (Greco)

  1. Elena Marino ha detto:

    Sono nata a Siracusa (benché non ci viva) e ho studiato greco antico… Che nostalgia.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...