Evviva i gatti!!!

Il Gatto
 
Vieni, mio bel gatto, sul mio cuore innamorato;
trattieni le unghie della zampa,
e lasciami sprofondare nei tuoi begli occhi striati
di metallo e d’agata.
 
Quando le dita indugiano ad accarezzare
la tua testa e il dorso elastico
e la mano s’inebria del piacere di palpare
il tuo corpo elettrico,
 
vedo la mia donna in spirito. Il suo sguardo
come il tuo, amabile bestia,
profondo e freddo, taglia e fende come un dardo,
 
e, dai piedi fino alla testa,
un’aria sottile, un minaccioso profumo
circolano attorno al suo corpo bruno.
 
Charles Baudelaire
 
I GATTI
 
Gl’innamorati fervidi ed i sapienti austeri
amano entrambi, nella stagione matura,
i gatti dolci e possenti, di cui la casa s’onora,
anche’essi, come loro, freddolosi e sedentari.
 
Amici della scienza e della voluttà,
cercano il silenzio e l’orrore delle tenebre;
l’Erebo li farebbe suoi galoppini funebri
se al servizio piegassero la loro dignità.
 
Assumono pensosi le nobili attitudini
delle sfingi sdraiate nelle remote solitudini
che paiono addormentarsi in un sogno senza fine;
 
hanno reni feconde piene di magiche scintille,
e particelle d’oro, come una sabbia fine,
vagamente costellano le mistiche pupille.
 
Charles Baudelaire
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Poesie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...